Al via il campionato il 28 settembre. La prima in casa contro L84 il 6 ottobre

Non più ventidue partite come la scorsa stagione ma ben 26 di regular season più gli eventuali play off e in mezzo le Coppe quella di divisione e di Coppa Italia (riservata alle prime sedici classificate dei tre gironi da disputarsi nell’anno nuovo). Insomma un bel tourbillon di match in sequenza in cui conterà tantissimo la preparazione fisica e la concentrazione mentale. Il Città di Asti comincia il campionato con le due bestie nere della passata stagione Villorba e L84 sono stati i dazi più pesanti pagati nella passata stagione con i veneti e piemontesi in grado di piegare la volontà di Celentano e soci sia all’andata che al ritorno.

Nel mese di ottobre le due sfide inedite contro Reggio Emilia e Imolese e poi all’inizio del mese di novembre Pagnano con cui sono stati dei duelli interessanti in serie B. Il mese di dicembre poi si apre con la trasferta di Massa, il confronto con il Carrè Chiuppano e l’ultima di andata ad Aosta al Montfluery. Ad Aosta si decideranno anche gli accoppiamenti per la Coppa Italia passano le prime cinque del campionato. Due le trasferte in Sardegna ma tutte nel nuovo anno nel girone di ritorno quello in cui il PAlasanquirico dovrebbe diventare la cassaforte per costruire il tesoretto della stagione (7 partite in casa contro le 6 in trasferta) con le sfide con Venezia Mestre il 22 febbraio e Milano il 7 marzo. Curiosamente l’ultima in trasferta sarà a Chiuppano l’anno scorso la prima invece giocata fuori casa. Il campo detterà naturalmente favorite e ambizioni ma per quello c’è ancora tempo