Andrea Licciardi: occorre il giusto mix tra preparazione atletica e nervosa

In una squadra diventa fondamentale lavorare su obiettivi sportivi, ma per raggiungerli ancora una volta è importante non solo l’allenamento e la partita ma come ti prepari per fare questo il Città di Asti si è rivolta a un professionista preparato e capace che aveva già avuto modo di seguire la squadra in passato: Andrea Licciardi “Quest'anno, dopo la stagione fantastica dell'A2 in cui sono arrivato a Dicembre, ho iniziato la preparazione con la squadra fin dall'inizio.

Altro

Celentano capocannoniere con 21 reti racconta la stagione

Senza nulla togliere al resto della squadra il buon Antonio Celentano è stato, grazie anche alle sue marcature la sorpresa positiva di questa stagione per il Città di Asti Calcio a 5 21 reti che hanno fatto la differenza, lui si schermisce parla di gioco di squadra ed è così, ma la sua esperienza è stata un utile toccasana per i ragazzi di Lotta. Lo ricordiamo nella partita casalinga contro Carmagnola, quasi disperato per alcuni errori commessi, ma proprio questa sua umiltà è stato il collante che ha riportato in alto la squadra di calcio a 5. Tracciamo con lui un commento su questa stagione.

Altro

Contro il Carmagnola una vittoria di prestigio

E sono quattro i successi consecutivi che permettono al Città di Asti di chiudere il girone di ritorno con la fantasmagorica cifra di 26 punti, se fosse stato ottenuto lo stesso bottino all’andata saremmo qui a parlare di play off. Ma non fasciamoci la testa, il campionato di Maschio Celentano e compagni è stato di grande impatto in questa seconda parte della stagione ed è un po’ la storia delle squadre di Lotta che in primavera raggiungono la forma migliore, basta ricordare tre stagioni fa in serie A2 che si chiuse con un brillante prestazione e un onorevole piazzamento in classifica. Anche allora una vittoria di prestigio a Lecco a chiudere la stagione, ora invece è toccata a Carmagnola che in tre stagioni non è mai riuscita a battere il Città di Asti: 3 vittorie un pareggio.

Altro

Le pagelle della partita in casa contro Monza

Celentano 7,5 l’assenza di Cannella lo tranquillizza sul fronte realizzativo (#sischerza) e quindi si prende una giornata serena di impostazione e di gioco normale, tenta qualche affondo ma si vede che manca un po’ di cattiveria agonistica. Bomber

Fazio 9 in credito con il futsal quest’anno per via della lunga squalifica, si prende la scena e gioca come se non ci fosse un domani, reti di rara bellezza come la prima sono da antologia, ha voglia di giocare e di stupire. Ritrovato

Mignogna 8,5 il mezzo voto in meno sono per le scarpe, ma scherzi a parte lo vediamo più incisivo del solito e pronto a riprendersi un po’ di quella fortuna che quest’anno lo aveva abbandonato, due reti a testimoniare che la porta la riesce a vedere bene. La La Migno

Altro

Doppio Fazio e Migno e il Città di Asti chiude al Pala con una vittoria

C’è un’atmosfera tranquilla al Palasanquirico, è una festa di fine stagione, i ragazzi sono carichi ma le emozioni di Bresso di otto giorni fa hanno lasciato il segno. 19 punti nel ritorno sono stati un’abile toccasana, la salvezza matematica ha reso l’ambiente sereno. Mancano Gio e Santin ma il resto del gruppo è presente. Un finale di stagione vittorioso renderebbe il campionato nel girone di ritorno trionfale. L’avversario è il San Biagio Monza, che deve proprio a Maschio e compagni i primi punti conquistati in classifica durante il girone d’andata ma oggi è un'altra storia. Squadra attenta e vogliosa di conquistare i tre punti. Partita d’attacco fin da subito, il Città di Asti cerca in continuazione la soluzione di forza o di precisione ma sono decine le opportunità di aprire le segnature,

Altro

Celentano goleador e trainer: ho imparato molte cose

Forse non è un chiacchierone come altri, ma senza troppi fronzoli, sul campo, ha saputo dettare la fase difensiva e offensiva come pochi nella prima squadra. Si è avvicinato al ruolo di allenatore in punta di piedi e ha costruito, con l’aiuto di Sorce un gruppo affiatato. Logico pensare che questo sia stato un bel mattone per costruire la passione di un futsal nuovo e determinato, fatto da chi è cresciuto a pane e a calcetto Cele che stagione è stata ? intensa e ricca di spunti sia positivi che negativi, abbiamo lavorato su una base di giovani che si sono avvicinati per la prima volta nel mondo del futsal. 

Altro

Sorce: under 21 un anno di crescita per il movimento

Piccolo ma determinato questa la carta d’identità di Sorce con Celentano l’alfiere non sono della prima squadra ma anche dei giovani, del futuro del Città di Asti. Com’è nata questa avventura dell’under ? prima di tutto abbiamo dovuto creare il gruppo, perchè senza di questo non si può arrivare a grandi obiettivi e penso che in questo siamo riusciti alla grande, da inizio anno fino alla fine più di 15 persone presenti ad ogni allenamento, affiatati e presenti, in pochi hanno saltato anche solo un allenamento . Sinceramente ad inizio anno speravamo e puntavamo ad altri risultati, a termine di classifica però molti ragazzi arrivavano dal calcio a 11 e molti altri non avevano neanche idea di come fosse il calcio a 5. Siamo partiti proprio dalle basi e questo ha forse penalizzato i risultati ma non lo spirito.

Altro

Sabato una grande festa per la stagione appena conclusa e per programmare la prossima

Marzo è sempre il mese in cui si festeggia nel calcio a 5. La stagione breve e intensa porta a colmare e a raggiungere obiettivi e risultati alle idi di marzo. Vittorie e conferme che non sono mancate anche quest’anno, un percorso forse più tortuoso, ma che ha fatto riscoprire il piacere del gruppo di amici che annualmente si ritrova sotto al Palasanquirico. L’urlo liberatorio in periferia a Monza con tanto di bottiglie stappate sabato scorso è stato utile proprio per ritrovare spirito e valori che difenderemo anche nella prossima stagione. Ma ora è il momento della consapevole festa.

Altro